Blog

Frequenti domande e risposte

Written by
Rate this item
(0 votes)

FREQUENTI DOMANDE E RISPOSTE

 

1. “COSA E’ L’AGOPUNTURA?”

L’Agopuntura consiste in due tipi di terapia naturale: la terapia dell’agopuntura e la terapia della moxibustione. La terapia dell’agopuntura è una tecnica per mezzo della quale si punge la pelle su un agopunto specifico con un ago sottile in una precisa direzione, ad una certa profondità con una particolare manipolazione in un periodo di tempo controllato per produrre un effetto terapeutico. La terapia della Moxibustione è un processo per mezzo del quale si genera calore, generalmente mediante artemisia, in modo specifico e con tempo controllato sempre per procurare l’effetto terapeutico. Sono due diverse terapie che spesso sono usate insieme sull’agopunto per curare determinati disturbi.

 

2. “QUAL’E’ IL MECCANISMO DELL’AGOPUNTURA?”

Sappiamo che la terapia dell’agopuntura è una stimolazione meccanica tramite un ago, mentre la terapia della moxibustione è una stimolazione calorica mediante l’utlizzo di erbe. Entrambe le stimolazioni producono un’eccitazione o una inibizione su una funzione organica abnorme a scopo terapeutico, cioè il ripristino di un equilibrio psico-fisiologico. Tramite la tecnica PET: Tomografia ad Emissione di Positroni si può dimostrare scientificamente dal vivo sui pazienti come gli stati funzionali della corteccia cerebrale rispondono alla stimolazione dell’Agopuntura. Tale tecnica ha confermato che l’effetto terapeutico avviene sia a livello della corteccia che a livello della periferia. Logicamente, entrano in gioco una catena di neuro-secrezioni per riequilibrare la funzionalità dell’organismo malato. Si considera che l’Agopuntura procura una notevole azione antidolorifica e antinfiammatoria. Si ottiene anche un miglioramento del sistema immunitario senza effetti collaterali.

 

3. “DA DOVE PROVIENE?”

L’agopuntura ebbe inizio nell’Età della Pietra, per cui il primo ago del mondo viene chiamato “l’ago di pietra”, mentre la moxibustione è stata inventata dopo la scoperta del fuoco.

Le due terapie sono così antiche che non possiamo distinguere qual’è la più antica delle due. L’unica cosa che sappiamo è che tutte e due vengono applicate sugli agopunti per curare i malanni.

Il Nei Jing, un capolavoro classico scritto circa 2400 anni fa, considerato come un’enciclopedia della medicina cinese, contiene una dettagliata descrizione delle tecniche dell’agopuntura e della moxibustione, le regole e gli accorgimenti per i praticanti.

Già in quel periodo furono localizzati 365 agopunti del corpo e furono inventati nove tipi di aghi metallici.

 

Fino ad oggi, a differenza della grande velocità con cui si è sviluppata la scienza tecnologica , la terapia dell’agopuntura, invece, mantiene non soltanto le sue antiche indicazioni, ma rimane una terapia naturale non invasiva e che avanza di pari passo con la tecnologia scientifica. Questa tecnica acquista sempre una maggiore sicurezza e una maggiore efficienza, e, come dice un proverbio cinese: “se volete essere curati, l’agopuntura è il primo metodo da considerare.”

 

4. “DOVE METTERE GLI AGHI?”

 

 

Gli aghi si applicano sugli agopunti. Nel nostro corpo abbiamo oltre 1000 agopunti, che secondo le loro diverse funzioni possono essere raggruppati in 14 meridiani che formano un sistema chiamato Sistema Jing luo.

Le funzioni fisiologiche, i cambiamenti patologici, le diagnosi e i risultati terapeutici sono tutti basati su questo Sistema Jing Luo che ha il compito di collegare, coordinare e riequilibrare tutte le funzionalità dell’organismo.

Quando una parte esterna del corpo o un organo interno funzionano male, i sintomi appariranno attraverso questo sistema jing luo, così la diagnosi può essere fatta scegliendo l’area giusta del corpo che offre gli agopunti esatti da stimolare con gli aghi.

 

L’UOMO DI BRONZO DI AGOPUNTURA (1029 d.C.)

E’ costruito per la standardizzazione universale degli agopunti.

 

5. “GLI AGHI PROCURANO DOLORE?”

Gli aghi sono molto sottili, flessibili, leggeri e inossidabili e, se applicati con la corretta tecnica manuale da un esperto agopuntore, non producono dolore. Alcune volte c’è solo una leggera sensazione quando l’ago penetra nella pelle; si può avvertire invece una sensazione più forte quando è necessario un trattamento più profondo per casi specifici o per ottenere un rapido risultato terapeutico.

 

6. “CI POSSONO ESSERE EFFETTI NEGATIVI?”

Ogni ago è di acciaio inossidabile e non contiene alcuna medicina. Nel trattamento della moxibustione si usa, invece, una mescolanza di erbe mediche che danno una piacevole sensazione di calore. Queste terapie sono note come ”Terapie Naturali”, quindi non vi sono effetti negativi, anzi, al contrario, quando il medico agopuntore è molto esperto, si hanno effetti straordinari.



7. “QUANDO SI AVVERTONO I BENEFICI?”

Dipende dal tipo di disturbo avvertito. A volte il miglioramento è immediato, a volte è lento e progressivo, a volte addirittura si manifesta dopo il ciclo di cura. Secondo la nostra esperienza, i dati sono i seguenti:

- miglioramento ottenuto durante il primo trattamento, nel 90% circa dei casi;

- miglioramento mantenuto dopo il primo trattamento, nel 75% circa dei casi;

- miglioramento dopo un ciclo di 6 trattamenti, nel 95% circa dei casi.

 

 

8. “L’AGOPUNTURA MI GUARIRA’?”

Un proverbio dice: “L’Agopuntura cura tutti i mali ma non può guarire tutti i mali.” A seconda dei numerosi studi casistici scientifici prendiamo in cura solo alcune categorie di persone: a) quelle che si pensa di poter guarire; b) quelle che si pensa di poter migliorare; c) quelle che, dopo aver provato tutto, vogliono deliberatamente provare anche questa cura.

 

 

9. “QUANTI TRATTAMENTI SONO NECESSARI PER UNA CURA?”

Il numero dei trattamenti dipende dalle diverse condizioni del paziente. Senza dubbio influiscono alcune condizioni come l’età, le abitudini, l’ambiente, la professione, la dieta, la cronicità della malattia. Sono tutti fattori che hanno la loro importanza. Ma poi, non tutti i disturbi sono uguali per intensità e durata. Generalmente i disturbi allo stato iniziale sono i più facili da curare e richiedono un numero minore di trattamenti, mentre occorre un maggior numero di trattamenti se il disturbo è di vecchia data. Comunque bastano da 1 a 3 sedute per i casi acuti iniziali ed in linea di massima sono necessari da 8 a 12 trattamenti per i casi cronici. Ma già nel primo ciclo il disturbo diminuisce o scompare.

 

10. “QUANTO TEMPO E’ NECESSARIO PER UN TRATTAMENTO?”

Dipende da caso a caso. A volte bastano pochi secondi perché il disturbo passi, a volte è necessaria anche un’ora per avere un effetto positivo, ma generalmente, ogni trattamento dura un arco di tempo che va da 15 a 45 minuti.

 

 

11. “QUANTI AGHI SONO NECESSARI IN UN TRATTAMENTO?”

Anche qui dipende da caso a caso. Generalmente bastano uno o due aghi per alcuni casi semplici, e da cinque a otto aghi per i casi complicati. Comunque c’è una regola: per essere un bravo agopuntore bisogna applicare il minor numero di aghi per ottenere il massimo risultato.

 

12. “QUALI DISTURBI POSSONO ESSERE TRATTATI?”

l’Agopuntura è una scienza medica che può trattare tutti i tipi di patologia sia nel campo neuro-motorio che nel campo neuro-vegetativo, per cui, essa viene considerata la medicina che integra la medicina convenzionale, e naturalmente, il trattamento di alcune malattie è più favorevole con l’agopuntura.

Sono idonei per trattare con l’Agopuntura:

- Artrosi cervicale, lombare, coxofemorale e del ginocchio, artrite reumatoide,

tendinite e periartrite.

- Nevralgia facciale, trigemino, sciatico e disturbo post-Herpetico, cefalea ed emicrania.

- Ansia, depressione ed insonnia.

- Bronchite cronica, asma bronchiale, sinusite, rinite allergica.

- Gastrite, ulcera-duodenale, colite spastica, stipsi, diarrea.

- Irregolarità mestruale, sindrome post-menopausale, disturbi da gravidanza.

- Faringite, laringite, sordità, acufeni, congiuntivite.

 

Applicazioni speciali:

Caduta dei capelli, vizio del fumo, disturbi della sessualità, infertilità, dermatite, enuresi,

emiplegia, paralisi e sindrome vertiginosa.

 

 

13. “LA SICUREZZA DEGLI AGHI?”

Oggi tutti gli ambulatori dispongono di aghi monouso impiegabili per tutti i pazienti. Alcuni ambulatori applicano anche gli aghi personalizzati, quindi la sicurezza garantita è assoluta.

 

 

14. “TEMO GLI AGHI, COSA SI PUO FARE?”

Per chi ha paura degli aghi ci sono molti altri metodi alternativi in questo ambulatorio: la moxibustione, la digito-pressione, l’auricolo-pressione, la coppettazione, l’elettrostatico-terapia.

 

 

15. “QUAL’ E’ LA CARATTERISTICA DEL METODO LAM DI AGOPUNTURA MULTITECNICA?”

L’autore Dr. Lam Sing Hee ha superato quaranta anni di pratica clinica e ha inventato il “Metodo Lam di agopuntura multitecnica” a favore dei pazienti per ottenere una terapia più semplice, con spesso 2 o 3 aghi e senza dolore, con l’effetto terapeutico più rapido entro la prima applicazione, con un ciclo di sedute più breve e soprattutto con la maggiore sicurezza rispetto all’agopuntura tradizionale. Il Metodo Lam di agopuntura multitecnica consiste: l’agopuntura classica, il Metodo Lam di ombelico agopuntura e il Metodo Lam di addomino-agopuntura. Il Dr. Lam è il primo pioniere della divulgazione di tale metodo utile per portare benefici ai pazienti.

 

Fonte: Studi e Ricerca di Agopuntura Multitecnica – Dr. Sing Hee Lam

Read 554 times Last modified on Giovedì, 15 Febbraio 2018 09:34